Direttore: Aldo Varano    

Harry la sposa meticcia e lo Ius soli che ha già attraversato la Calabria

Harry la sposa meticcia e lo Ius soli che ha già attraversato la Calabria
hame Se Baricco dovesse oggi scrivere il romanzetto di Harry e Meghan lo intitolerebbe senza dubbio “La sposa meticcia”. In effetti potrebbe prestarsi al sequel della sposa giovane. Ma un libro non è.

E’ la realtà di una coppia che pur parlando inglese presenta diverse sfumature nell’intonazione e nell’uso della grammatica. Lui parla con accento britannico, lei con accento afroamericano. Lui è di sangue blu, lei di sangue misto.

E’ un po’ come dire che gli sposi parlano la lingua calabrese quando in realtà si esprimono con diverse inflessioni ed intonazioni. L’uomo e la donna che parlano inglese hanno alle spalle società in cui la storia ha imposto il métissage e i singoli, pur con alterni percorsi, si sono adeguati. In Calabria la mescolanza di razze esistente nel passato, presente peraltro in maniera costante, in tutti i periodi storici che la regione ha attraversato, traspare dalle singole parole del linguaggio colloquiale, quello di ogni giorno per essere precisi. Risuonano ad ogni angolo e in ogni piazza, congiunzioni estreme, suoni ora aspirati, ora gutturali, raddoppi di lettere, j al posto della q, o in talune aree interi termini di origine greca,  latina o provenzale.

E mentre alla Calabria di oggi resta l’idioma, a testimoniare le tante culture che l’hanno oltrepassata, questa sposa color chocolat, del tutto inconsapevolmente, ci indica il percorso che dovremo compiere, ci mostra come la contaminazione e la mescolanza siano alle soglie della nostra società. Io penso che l’immagine della società mista dalla quale provengono sia Harry il principe che la fidanzata birazziale, come ella stessa s’è definita, a margine dell’ennesima fiaba dei reali inglesi, dovrebbe portare un’utile riflessione a tutti coloro che manifestano contrarietà o fastidio a quella minima legge che attribuisce cittadinanza italiana ai nati sul territorio, figli di stranieri ma sostanzialmente italiani per cultura e per lingua.