Direttore: Aldo Varano    

LA CALABRIA e i PROVERBI. Il cattivo fottitore si fa impacciare anche dai peli

LA CALABRIA e i PROVERBI. Il cattivo fottitore si fa impacciare anche dai peli
ts ‘O malu futtituri  ‘u mpaccianu puru i pila

Il cattivo fottitore della metafora è lo svogliato che trova qualsiasi scusa per non lavorare  e, se proprio non gli va, hai tempo e voglia di convincerlo: quando u sceccu non boli mbìveri avissi vogghia mi nci frischi.

La risposta dell’interessato è un po’ dimessa: s’u lavuru era bonu ‘u ordinava u medicu, se il lavoro facesse bene lo ordinerebbe il medico al posto delle medicine.

U zappuni, o s’u mangia u lavuru o s’u mangia a ruggia, la vita non contempla alternative salvifiche: anche chi non lavora quindi finirà per consumarsi e finirà arrugginito mentre chi faticherà, pur consumandosi, sarà sempre lucido come la lama della zappa che ha a che fare con pietre e terra.  

Non ‘è nessuna vocazione (la famigerata beruf calvinista) in questo molto mediterraneo e immaginario dialogo a mezzo di proverbi.

Eppure non mancano ammonizioni agli sfaticati: cu dici ora p’apoi / non faci casa mai, chi è solito rinviare non metterà mai su famiglia; cu no benta / la fami no ncuntra, chi lavora senza riposare tiene lontana da sé la fame, u gaddina chi camina / s’arricogghi cu bozzu chinu, la gallina che gira si riempie il gozzo, cu non avi arti / non avi parti (chi non sa fare nulla no ha diritto a nulla), cu si mania / non penìa, chi si dà da fare non sarà indigente.

Stabilito che il lavoro è necessario per sopravvivere e per soddisfare gli indispensabili piaceri della carne (si lavura e si fatica / pe la panza e pe … la fica ), l’attenzione passa sul ‘come’ viene svolto; certo non va bene farlo in fretta (a jatta prescialora / faci i gattareddhi orbi, cu cuggi chianu /no ncrispa a pezza), né di notte (cosi di notti / testimoni li stiddhi o roba ‘e notti vrigogna ‘e juornu, Spezzano 744) e nemmeno durante il giorno di festa: U travagghiu fattu di festa / non ti luci né ti resta / trasi d’a porta e nesci d’a finestra (Santi Correnti, 145), il lavoro che fai nei giorni festivi non risalta e no ti lascia niente in mano, entra dalla porta ed esce dalla finestra.

Meglio farlo di giorno lavorativo ed appena alzati dopo una bella notte di riposo: a)  la matinata faci la jornata, b) si vo futtiri la vicina / curcati prestu e ìsati la matina, o ancora: c) Appulla quando appulla la gallina / e quando il gallo canta, tu camina, proverbio del Cicolano, in cui si invita l’uomo a andare a letto (appullare) come le galline e di alzarsi al canto del gallo.

Ognuno si faccia da sé ciò di cui ha bisogno: cu voli anda e cu no manda.

Dopo avere iniziato bisogna non sottovalutare il lavoro che rimane da fare, a maggior ragione quando pare insignificante: la cuda è forti / e dura da scorciari.

Naturalmente nel lavoro nci voli cchiù abilità ca forza, e occorre fare attenzione agli improvvisatori (quando aju a pagari u mastricchiu / pagu u mastru, o ancora cu non voli pagari u mastru / paga u mastricchiu e poi u mastru che deve riparare agli errori del mastricchio, cu non sapi scorciari guasta la peddhi, con metafora che va oltre il mestiere di pellaio) specialmente se molto giovani: cu si curca cu figghiòli / a matina si leva cacatu.

Fatto il lavoro occorre la retribuzione adeguata da chi ne ha beneficiato: travagghiu fattu / dinari aspetta,(Santi Correnti, 145) altrimenti comu mi la paghi / ti la mmolu,  proverbio coniato da un arrotino in risposta ad un cattivo pagatore che si raccomandava di arrotargli bene un’accetta.