Direttore: Aldo Varano    

IL LIBRO. Leggersi dentro del p. gesuita Gaetano Piccolo (il 21 alle 17,30, Ottimati)

IL LIBRO. Leggersi dentro del p. gesuita Gaetano Piccolo (il 21 alle 17,30, Ottimati)
piccolo   Mercoledì 21 dicembre alle ore 17.30, presso la Chiesa degli Ottimati si terrà l’incontro con p.Gaetano Piccolo sj, nato a Napoli nel 1973, docente di metafisica presso la Pontificia Università Gregoriana. La formazione spirituale maturata anche con la lettura di Agostino e un periodo vissuto in Sri Lanka, ha consentito al gesuita un approccio biblico aperto all’incontro con l’odierna complessità umana. Una realtà che vive di forti tensioni e di innumerevoli contrapposizioni che abitano l’animo umano: la chiusura dentro il proprio ego e il bisogno di uscire dalle pseudosicurezze, la prigione di una tradizione e la provocazione della novità, l’attesa di cambiamento e la mancanza di fiducia. Nella sua attività apostolica Piccolo ha approfondito il tema dell’integrazione tra vita affettiva e vita spirituale, grazie agli Esercizi spirituali e alla riflessione offerta sulvivace e interessante blog Rigantur mentes.

Leggersi dentro” è il titolo del suo ultimo libro ed. Paoline, un’originale lettura del Vangelo di Matteo che può aiutare il lettore a comprendere la realtà che si porta dentro e le relazioni che lo circondano.Nel corso della presentazione introdotta da p. Vincenzo Toscano sj Superiore Comunità Padri Gesuiti di Reggio Calabria e moderata da Francesco Sucameli, sarà possibile conversare con l’autore. Il padre gesuita, avrà modo di spiegare le dinamiche umane  “lette” attraverso la Parola, perché dinanzi al testo biblico è opportuno “rovesciare la prospettiva: non siamo noi a leggere il testo, ma è il testo che ci legge…una meta-lettura a cui siamo invitati: mentre leggiamo siamo letti. Possiamo vedere la nostra vita come in uno specchio, che pian piano diventa più chiaro”. Percorso non è facile, per paura di incontrare se stessi, ma è ineludibile se si è incuriositi dal viaggio interiore e desiderosi di vivere quell’avventura straordinaria che è la libertà del cuore. (i.nu.)