Direttore: Aldo Varano    

LA CALABRIA e i PROVERBI. Amore, tradimenti, fedeltà

LA CALABRIA e i PROVERBI. Amore, tradimenti, fedeltà
amor   L’amuri è fattu comu n’armacera / travagghi n’annu e si spascia nta n’ura

Questi due versi (l’amore è fatto come un muro a secco // ci metti un anno a costruirlo e in un’ora si dirupa) di una canzone popolare condofurese (pubblicata da Mario Mandalari nel 1881), siano o meno un proverbio nel senso classico, vanno a pennello per aprire il capitolo dei proverbi calabresi dedicati all’amore, partendo da quello fragile e soggetto a frane inaspettate.

Sulla stessa lunghezza d’onda l’amuri di luntanu / è comu l’acqua nt’o panaru  che richiama altre illusorie imprese amorose consegnateci dalla cultura popolare: come quella dell’amante che cerca per l’amata u latti i l’aceddhi (che, come è noto, non sono mammiferi) oppure tenta, per dissetarla, di portarle l’acqua della fonte con il cavo dell’orecchio, nt’a ricchi.

Un palu non po’ tèneri ddu viti / mancu na donna cu ddu nnamurati, versi trasformati in proverbio anche questi, parla di patologie letterarie dell’amore femminile mentre L’amuri di buttana è vinu i fiascu , / bonu la sira e la matina guastu / o  I buttani su pedi pedi / ma i mariti su d’i mugghieri, o ancora ama all’omu toi / com’è lu viziu soi, introducono nell’universo di donne in carne e ossa che possono anche concedere al marito qualche scappatella certe come sono che, in ogni caso, sempre tornerà a tirare il giogo domestico.

Cu si nnamura capiddhi e denti / si nnamura i nenti (chi si innamora di capelli e denti si innamora di nulla) o, ancora, si bascia a figghia muccusa p’a mammma gioiusa, si bacia la figlia brutta perché dietro di lei c’è una mamma di buone maniere, invitano alla prosa e a immaginare come si trasformeranno, nel tempo, gli aspetti dell’amato che ci sembrano più attraenti.

D’altra parte che il matrimonio non sia rose e fiori appare evidente già dal giorno successivo al matrimonio (dopu i cunfetti / cumpàrinu i difetti) per durare poi tutta la vita: l’amuri è fattu comu lu citrolu / chi ndavi la bucca duci e lu culu amaru: l’amore è come il cetriolo che all’inizio è dolce e alla fine è amaro; ma la disillusione può anche essere immaginata a tappe: Un prim’amuri è sempri cori a cori / doppu tant’anni passa mussu mussu /  e a la vecchiaia nci voti sempri lu culu, l’amore dei primi anni è integrale (cori a cori), col tempo si riduce alla consuetudine delle labbra (cibo e baci), infine, nella vecchiaia ognuno va per i fatti suoi girando le spalle all’altro.

Un altro proverbio sottolinea il fatto che la gioventù dei coniugi, e il conseguente filo dell’erotismo, riduce i conflitti o li fa durare poco: li sciarri tra maritu e mugghieri duranu d’u focularu ‘o lettu (i litigi tra marito e moglie durano dal focolare al letto); a meno che il dissidio non parta dal profondo dell’animo e allora non ci sono rimedi che tengano: quando l’amuri non veni di lu cori / è comu a na minestra senza sali (l’amore superficiale è come una minestra scondita) (S. Monterosso, a cura di, Dìssiru l’antichi,  Reggio Cal. 2011, 36-37).  

Al contrario, quando l’amore è profondo riesce sempre, anche nelle difficoltà oggettive, a trovare il modo della congiunzione: quando l’amuri non è brodu di fascioli / trova sempri lu locu pi futtiri.

*Giacomo Favretto, Dopo il bagno (1884).