Direttore: Aldo Varano    

LA CALABRIA e i PROVERBI. Amico con tutti, fedele con nessuno

LA CALABRIA e i PROVERBI. Amico con tutti, fedele con nessuno
amic Si vo’ pèrdiri l’amicu / o marìtilu o fallu zitu

   Comincia così, con l’alterità assoluta tra amicizia e vincolo familiare (compiuto o in fieri come il fidanzamento), il discorso sui proverbi e quella particolare affezione dell’anima che i greci chiamavano Filìa e che un po’ interessata lo era, sia pure allo scambio sentimentale che arricchiva entrambe le parti.

Ma lo scambio è necessario anche per far sorgere e mantenere l’amicizia dei calabresi: dammi cu dammi s’acquista l’amicu / chi non è veru amicu cu pigghia e non duna o, detto altrimenti, l’amicizia non si mmanteni / si lu panàru non vai e veni, dove il paniere che deve andare venire è parola metonimica che sta per i doni in esso contenuti.

Insomma, secondo un altro modo di dire, le parti del rapporto amicale devono avere le mani, una per ricevere e una per donare, di uguale  lunghezza: non si pot’essiri amici cu na manu curta (quella del dono) e una longa (quella della ricezione).

E sono le difficoltà a rivelare la consistenza del vincolo: càrciri, povertà e necessitati / scumbògghianu (letteralmente ‘tolgono il coperchio’, cumbògghiu) lu cori di l’amici e, ancora, l’amicu e lu cumpari / a lu bisognu pari (letteralmente ‘si fa vedere’).

Anche le modalità timbriche della risposta sono rilevanti: si non rispundi cu la buci bona / all’amicu non nci piaci la canzuna.

E la prudenza è d’obbligo in ordine alla qualità delle confidenze: amicu cu tutti / e fideli cu nuddhu.

Essere riservati serve anche a non trasformare in catastrofe la fine dell’amicizia: amicu chi vo’ beni a n’atru amicu / non diri quantu teni nta lu cori / chi veni un juornu chi sarà nimicu / e dici quantu ndavi nta lu cori.

Alcune categorie poi vengono letteralmente sanzionate di ‘incapacità’ all’amicizia: cu marinari, pecurari e sbirri / non fari amicizia chi la sgarri.

Nu’ vi faciti amici furesteri / ca vèninu oggi (a prendere) e si ndi jru ieri (prima cioè che si faccia in tempo a chiedergli reciprocità).

L’amicizia, se sincera, è più importante del denaro: megghiu n’amicu in chiazza / chi centu ducati in tasca.

Ma un proverbio siciliano specifica: l’amici di salutu sunnu tanti / ma chiddhi di lu cori picca e nenti (Santi Correnti, p. 21, n. 81).

Va benissimo, a proposito di amici e saluto, il proverbio calabro con cui chiudiamo: lu salutu non porta saluti / e mancu sana cori a li malati.