Direttore: Aldo Varano    

LA CALABRIA e i PROVERBI. San Martino fave e lino

LA CALABRIA e i PROVERBI. San Martino fave e lino
calabria1912 Ottobri: maìsi e vindigna / povira tigna

Ottobre, dopo i caldi dell’estate che avevano alleggerito la terra, era il momento della prima aratura, maìsi, che doveva preparare il terreno per le semine novembrine: a Santu Linardu (6 novembre)/ sèmina ch’è tardu. Per il contadino erano preoccupazioni non da poco, ‘pòvira tigna’ è metonimico per ‘povera testa mia a quante cose deve pensare’.

Anche la vendemmia è una preoccupazione niente male: pi la vindigna / mbuna li butti e grattati la tigna.

Mbunari designava il mettere le botti dentro l’acqua sicché le doghe, prima secche, si rigonfiassero rendendo il recipiente a tenuta stagna; il grattarsi la tigna era invece collegato alle tante incombenze recate dalla raccolta e dalla pigiatura dell’uva.

Da mbunari derivava bunaca, rigonfiatura specialmente dell’inguine per naturale abbondanza dei genitali maschili o per ernia sopraggiunta.

La semina comincia con le fave e il lino entro l’undici novembre San Martinu / Favi e linu) ma il santo col mantello porta anche l’apertura delle botti e il vino nuovo (Pi Santu Martinu / ogni mustu si faci vinu /  e si la butti ancora bugghi / com’è ndi lu mbivimu); a seguire, entro la fine del mese, si semina il grano: Pi lu jornu di Sant’Andria / cu non sèmina granu cugghiunìa, cioè scherza invece di fare il contadino.

Sant’Andrea è anche il giorno secondo cui comincia ad aumentare, sia pure di poco, la luce del giorno: Di Sant’Andrìa finu a Natali / crisci lu jornu un passu di cani / e di Natali an poi / crisci lu jornu un passu di boi.

Se ottobre era il mese in cui il fresco si sostituiva, gradualmente però (ottobri coci l’ova, a ottobre il caldo fa cuocere le uova senza fuoco), alle calure estive (Pi San Franciscu / nesci lu caddhu e trasi lu friscu), novembre portava freddo, intemperie e finanche la neve sin dai primi giorni: Pi lu jornu di li santi / la nivi è pe li canti (agli angoli delle strade) / pe lu jornu di li morti (2 novembre)/ la nivi è arretu a li porti.

Importante era anche il 25 novembre: Pi Santa Caterina / chianta sambucu e spina, piantare il sambuco  e le siepi di roveto per proteggere i confini della proprietà. Il giorno era inoltre considerato rilevante per le previsioni metereologiche natalizie: Comu caterinija / cussì natalija, il tempo di Natale sarà come quello di Santa Caterina (Cosimo, 26).

Il sei dicembre porta la pioggia (Pi Santu Nicola / lampi  e trona) e la prima mungitura: A Santu Nicola / ogni mandra faci a prova.

L’otto dicembre era giorno di abbondanti fritture: A la Mmaculata / crispeddhi pi tutta l’annata.

Natale è incerto dal punto di vista meteorologico (Natalu c’u suli / pasca cu l’acqua) ma di sicuro porta freddo e fame: Prima Natali / no friddu e no fami // dopu Natali / lu friddu e la fami.