Direttore: Aldo Varano    

GIOIOSA JONICA (RC). Il Club per l'Unesco promuove la presentazione del libro "Il faggio che sposò la Luna"

GIOIOSA JONICA (RC). Il Club per l'Unesco promuove la presentazione del libro "Il faggio che sposò la Luna"
Venerdì 15 dicembre alle ore 16,30 a Palazzo “Amaduri”, alla presenza dell'autore Felice Foresta il Club per l’UNESCO e la Pro Loco di Gioiosa Jonica nell’ambito dell’iniziativa “Insieme ai libri aspettando il Natale” – Scrittori e Storie del Sud, presentano il romanzo: “Il Faggio che sposò la Luna”. Una manifestazione culturale con il patrocinio dall'Amministrazione comunale, in collaborazione con la Consulta comunale delle Associazioni cittadine. Oltre a essere un’iniziativa per la valorizzazione degli autori calabresi e per stimolare momenti d’incontro culturale, intesi come occasioni di crescita civile e sociale delle comunità ma anche l’opportunità di festeggiare insieme l’Avvento del Natale nel modo più bello che è la socializzazione e l’aggregazione, che avviene anche attraverso i libri. Questo tipo d’incontri ha funzionato perché gli Autori hanno avuto la possibilità di raccontare qui a Gioiosa Ionica il loro “mestiere”, la loro esperienza e la loro passione” così come farà Felice Foresta, venerdì 15 che insieme a Palma Comandè e Vittoria La Grotteria, animeranno e cureranno le argomentazioni contenute nel romanzo. La Prof.ssa Palma Comandè, attualmente una delle massime espressioni della cultura letteraria calabrese, ha da pochi mesi dato alle stampe il suo ultimo libro, un gioiello di letteratura dal titolo: “Prima di tutto un uomo” edito Pellegrini, dedicato alla storia “privata” dello zio, l’indimenticabile Saverio Strati tra i più grandi scrittori del ‘900 italiano. Vittoria La Grotteria, giovane laureanda in giurisprudenza che annovera un apprezzabile bagaglio culturale, avendo partecipato, collaborato e presentato molte iniziative sociali e culturali in lungo e largo per la Calabria. Quindi le aspettative sono di alto profilo per quella che sarà la “tappa” conclusiva del Club per l’UNESCO dell’anno 2017, ricco di eventi e di successi. “Il Faggio che sposò la Luna” segna l'esordio letterario di Felice Foresta, giovane e affermato avvocato di Catanzaro, che affronta un viaggio dell'anima tra le emozioni, i luoghi e le tradizioni di una Calabria che l'autore dimostra di amare profondamente. Uno degli aspetti peculiari, più rilevanti del libro, forse è proprio questo: il desiderio di trasmettere l'immagine della Calabria “vera”, diversa dai cliché diffusi da una certa narrazione e da una certa cinematografia, inclini a focalizzare l'attenzione più sulle ombre che sulle luci di questa nostra terra “unica”. Una Calabria, dunque, raccontata fuori da ogni stereotipo, “bella e dura così com'è” (parole dello stesso autore). Un romanzo, peraltro, molto apprezzato sia dal pubblico che dalla critica, tanto da vincere per la sezione inediti, il premio “Prospektiva 1.0” a Lucca e da meritare una segnalazione speciale al Premio “Gaetano Cingari” di Reggio Calabria. Felice Foresta parla della Calabria attraverso il filtro dei suoi ricordi di fanciullo. E lo fa fissando dei simboli, degli archetipi che segnano il perimetro del suo racconto, rendendolo ricco, affascinante, suggestivo e avvincente. La luna, innanzitutto, la grande madre che veglia sui cicli della natura: dalle produzioni agricole (l'olio, il vino) fino al travaglio delle partorienti. E poi la figura del padre, che indica la strada giusta da seguire. Il pane, che rappresenta l'unione tra cielo e terra. Il protagonista, Giancarlo, troverà la strada proprio grazie al ricordo del padre e al valore simbolico del pane, “che è pane di vita, pure quando è coriaceo nella sua durezza”. C'è tanta ispirazione, quindi, in queste pagine. C'è il richiamo dichiarato ed evidente ad un grande della letteratura, che è Corrado Alvaro. C'è, infine, l'umanità del protagonista del romanzo, raccontata con altrettanta e forte umanità dall’autore. 'Il faggio che sposò la luna' di Felice Foresta è stato presente con la casa editrice “Tra le righe” al Salone Internazionale del Libro di Torino con grande successo di critica e di pubblico. Al termine della serata, IL Club per l’UNESCO di Gioiosa Jonica per brindare alle imminenti feste natalizie, offrirà ai presenti: spumanti, vini e dolci della tradizione e il gustosissimo “Energin” di AuryCaffè!