Direttore: Aldo Varano    

ANTIMAFIA. Sardegna piattaforma logistica per scambio droga

ANTIMAFIA. Sardegna piattaforma logistica per scambio droga
La Sardegna piattaforma logistica per "lo scambio" di partite di droga destinate in parte al mercato isolano e in parte ad altre regioni. Ma anche un territorio "particolarmente appetibile" per le organizzazioni mafiose che investono nel settore turistico-immobiliare per riciclare il denaro sporco. E' quanto emerso dalle audizioni della Commissione Antimafia riunita nel capoluogo sardo con i prefetti di Cagliari, Giuliana Perrotta, Nuoro, Daniela Parisi, Oristano, Giuseppe Guetta, e Sassari, Giuseppe Marani, il facente funzioni della direzione distrettuale, Gilberto Ganassi, il magistrato di Sorveglianza di Sassari, Luisa Diez, e i rappresentanti di Carabinieri, Polizia e Gdf.

    "La Sardegna non e' una regione che dal punto di vista della mafia desta particolari attenzioni rispetto alle altre, anche se la guardia non va mai abbassata - ha spiegato la presidente della Commissione Rosy Bindi - Le mafie non hanno confini e anche la Sardegna e' un territorio di attenzione da parte delle cosche per gli stupefacenti provenienti dal Centro e Sud America e dal Nord Africa. E' soprattutto la 'ndrangheta che realizza lo scambio qui per poi lasciare lo spaccio a sodalizi locali".

    Tra i temi affrontati anche quello dell'immigrazione. "E' stata fatta una valutazione di non pericolosita' del fenomeno - ha sottolineato il senatore Enrico Buemi, gruppo Misto - certo, potrebbero esserci delle evoluzioni, ma attualmente non vi e' alcun riscontro. Piuttosto rimane senza risposta l'interrogativo su come piccole imbarcazioni riescano a fare un percorso di 130 miglia", il riferimento e' agli sbarchi diretti di algerini lungo le coste del sud Sardegna.

    Quanto al fenomeno delle intimidazioni a sindaci e amministratori locali, il senatore Stefano Vaccari (Pd) ha confermato che "c'e' stata un'escalation tra il 2014 e il 2015 con un +118%, 50 i casi registrati nel 2015 con la Sardegna all'epoca al quinto posto in Italia dopo Sicilia, Campania, Puglia e Calabria".

    Altro tema riguarda le opere pubbliche. "Rifiutiamo l'equazione lavori pubblici uguale infiltrazione mafiosa, ma occorre vigilare - ha detto la presidente Bindi - perche' dove ci sono investimenti crescono gli appetiti".