Direttore: Aldo Varano    

REGGIO. Asp, Brancati fa la lumaca, il Tar corre dietro e tutto resta fuori controllo

REGGIO. Asp, Brancati fa la lumaca, il Tar corre dietro e tutto resta fuori controllo
asp   (riceviamo e pubblichiamo) La gestione finanziaria dell’Azienda sanitaria provinciale di Reggio Calabria appare sempre più fuori controllo.

Sono passati già 14 mesi dall’insediamento del dottor Brancati ai vertici dell’ASP senza che lo stesso abbia mai preso una iniziativa accettabile per sanare la situazione debitoria.

Anzi, siamo ancora in attesa di spiegazioni credibili riguardo all’unica azione, certamente non sufficientemente idonea, che ha tentato di mettere in campo,  e sulla quale ha fatto incomprensibilmente marcia indietro.

 Non si intravede, al momento, alcun segnale di inversione di rotta

All’inerzia del D.G. che, in questo settore sembra avere il passo più lento di una lumaca, sopperisce, per  fortuna dei numerosi creditori, il locale TAR, costretto a sostituirsi quotidianamente al Brancati e trasformatosi, a questo punto, in ufficiale pagatore dell’ASP.

Non si riesce a ricavare  l’ammontare del passivo pregresso che, nel 2010, ha innescato la procedura di commissariamento del debito sanitario  nella regione Calabria.

Non è possibile comprendere quanti fondi  sono disponibili, quanti sarebbero necessari per saldarlo e come si vuole procedere.

Non è dato sapere l’eventuale progressione di debito fuori controllo successivo al 2010.

La situazione debitoria contribuisce pesantemente in modo negativo alla possibilità di far ritornare la Calabria a una gestione ordinaria e ordinata del servizio sanitario e mette in discussione la stessa sanità reggina che degrada sempre più.

Nei prossimi giorni attiverò gli strumenti parlamentari di sindacato ispettivo al fine di ottenere qualche risposta come, peraltro, sono stato costretto a fare, nelle settimane scorse in ordine alla struttura commissariale regionale.

*deputato della Calabria