Direttore: Aldo Varano    

GRANDI E PICCOLI, DAL NORD ALLA CALABRIA

GRANDI E PICCOLI, DAL NORD ALLA CALABRIA
codex Il confronto è impari per una serie infinita di ragioni ma, come si è solito dire, mi viene spontaneo. Dunque, il Veneto, soprattutto, e la Lombardia hanno deciso di avviare un percorso di "sganciamento" benché non abbiano scelto di staccarsi dal resto del Paese, e dividere il Nord dal Centro e, specialmente, dal Sud, ma di muoversi entro i limiti della Costituzione. Un primo passo? Sicuramente. In quale direzione? Si vedrà. Ma il cammino, comunque lo si voglia giudicare, è iniziato. E l'Italia - è solo questione di tempo - cambierà. Ora preparatevi a un triplo salto mortale.

I cittadini di Rossano e Corigliano hanno votato nello stesso giorno per un altro referendum e hanno scelto di unire i loro due Comuni e farne uno solo. Sono due città calabresi che affacciano sullo Jonio in uno scenario straordinario: da quelle parti i greci sbarcarono e edificarono Sibari. Una terra dove si producono arance e clementine che non temono concorrenza, c'è un porto che potrebbe diventare un'infrastruttura strategica per i traffici Nord-Sud e Est-Ovest, una bella storia alle spalle e un patrimonio culturale non trascurabile. Ricordo soltanto il Codex Purpureus, un manoscritto di 188 pagine, che risale al V-VI secolo e trovato a Rossano a metà Ottocento: è il libro illustrato più antico e Patrimonio Unesco. Da decenni si discuteva sulla necessità di mettere insieme i due enti per farne uno più forte, più autorevole, più in grado di pianificare e progettare. Hanno sconfitto i campanilismi e ci sono riusciti E lanciano, da questo nostro Meridione, che tanto ci fa soffrire e arrabbiare e che è il luogo più bello del mondo, un segnale di coesione, di unità, di voglia di mettersi insieme per crescere e vivere meglio.

È, ripeto, un confronto improponibile, ma qui io voglio pubblicamente solo salutare i fratelli calabresi e ringraziarli. Da meridionale, da italiano, da cittadino del mondo.